Jicama

Jicama. Pachyrhizus angulatus. Originaria del Messico, la jicama è il tubercolo di una pianta rampicante. Il nome deriva dalla civiltà Atzeca, dove era consumata dagli indigeni con il nome di xicomalt. Fu solo nel XVII secolo che gli esploratori spagnoli l’esportarono nelle Filippine e da qui si diffuse nelle isole de Pacifico e in Asia.… Continue reading Jicama

Attiekè

 Attiekè. La dominazione araba si estendeva fino ai paesi dell’Africa sub sahariana, non deve stupire quindi se le diverse etnie africane hanno adottato la semola berbera adattandola ai propri gusti e reinterpretandola in base alla disponibilità delle materie prime del territorio. Il cuscus della Costa d’Avorio si chiama attieké e viene realizzato con farina di manioca.… Continue reading Attiekè

Quinoa

Il centro più importante di produzione di questo cereale di origine andina si trova nella città mineraria di Oruro, in Bolivia a 3700 metri d’altezza! La quinoa è un alimento di grande importanza dall’elevato potere nutritivo, consumato fin dall’antichità dalle popolazioni degli altipiani della cordigliera delle Ande. Giunto in occidente attraverso la rete delle agenzie… Continue reading Quinoa

Miglio

Il miglio sta all’Africa come il mais sta al sud America: questa è in sintesi la formula migliore per descrivere l’importante ruolo che questo prodotto svolge nell’alimentazione di base delle popolazioni dell’area sub sahariana. Con la farina di miglio i Bambara, popolo guerriero del Burkina Faso, confezionano la pasta di to, consumata anche in Mali,… Continue reading Miglio

Mais

Basterà sapere che le civiltà precolombiane pensavano che l’uomo “discendeva” dalla pannocchia di mais per rendersi conto dell’importanza millenaria che questo ingrediente di origine sudamericana ha avuto nel corso del tempo. Di mais (milho per i brasiliani) ne esistono decine e decine di varietà differenti tra loro per colore, dimensione e sapore. Nella cucina latinoamericana… Continue reading Mais

Fonio

Fonio. Manna dei pastori africani dell’antica etnia Peul, oggi presenti in diverse regioni del mondo, viene chiamato con nomi differenti: fundi, founié, fuma. Il fonio è un tipo di cereale molto leggero, dalle palline minuscole color giallo-grigio. Si coltiva nei paesi dell’Africa occidentale, dove cresce lontano dalla zona delle foreste, preferisce infatti i terreni aridi.… Continue reading Fonio

Manioca

 La manioca, quasi sconosciuta nella cultura gastronomica occidentale, è molto utilizzata nell’America centro meridionale e in Africa. Al suo successo hanno contribuito diversi fattori: innanzitutto la capacità del tubero ad adattarsi a climi e terreni diversi, la resistenza e,non ultima, la sua ricchezza in carboidrati, che ne fa un’importante fonte di alimentazione. Dalla manioca si… Continue reading Manioca

Vino di palma

Vino di palma. La palma rappresenta l’albero della vita nei villaggi africani, tra gli innumerevoli prodotti che se ne ricavano, il palm wine è il più curioso. Prima di stapparlo occorre refrigerarlo ed effettuare un “remuage” per smuovere il sedimento. Non aspettatevi il sapore del vino all’assaggio: il suo gusto ricorda piuttosto quello di una… Continue reading Vino di palma

Sauce graine

Sauce graine. Ottenuta dalla lavorazione dei frutti di palma è tipica dell’Africa occidentale, della regione delle foreste, dove crescono da secoli le palme selvatiche. Viene cucinata insieme alle carni di manzo o montone, aromatizzata con polvere di gamberi secchi, pesce affumicato, granchi o lumache

Gamberetti secchi

Gamberetti secchi. L’uso di questi crostacei di taglia media o piccola essiccati può essere paragonato all’utilizzo dei dadi di glutammato al sapore di pesce. Sia in Africa che in molti paesi asiatici i gamberetti secchi e talvolta affumicati vengono aggiunti interi o in polvere in sughi, intingoli e zuppe per dare l’aroma del mare. Oggi anche… Continue reading Gamberetti secchi